Cookie - Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web. Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo.

AMBIENTE

Asilo Nido
AMBIENTE

Gli spazi del nostro asilo nido sono organizzati nel seguente modo:

In aule-sezioni

Perché queste contribuiscono a formare il senso di appartenenza dei bambini rispetto a quello specifico spazio che deve essere riconoscibile e caratterizzato da elementi distintivi.

In angoli o centri d'interesse; in spazi di cura e di bisogno

Aree chiaramente identificabili per le loro caratteristiche peculiari. Si tratta di “contenitori” di giochi, stimoli, situazioni che assegnano al bambino un ruolo propositivo in quanto è lui stesso a decidere in quali modi utilizzare tali elementi. Devono essere adeguati e piacevoli perché vi si possa agire a funzione educativa importantissima delle routine (per il pranzo, per il cambio, per l’igiene…).

ANGOLO SIMBOLICO-TRAVESTIMENTI
(far finta di)

Travestimenti
Cucina
Bambole

ANGOLO DELLA LETTURA
(con musica, canti e balli)

Fantasia
Creatività
Invenzione

ANGOLO DEI TRAVASI

Manipolazione di diversi materiali

ANGOLO DELLA PITTURA

Sviluppiamo la creatività dei bambini utilizzando strumenti e materiali diversi

GIOCO EURISTICO E CESTINO DEI TESORI

Gioco di pura scoperta con tanti materiali diversi

GIOCO LIBERO

Scelta personale del gioco
Gestione di situazioni senza la presenza dell’adulto
Creare relazioni di gruppo

La cucina interna

Il pranzo viene preparato nella cucina interna della scuola dal personale addetto. Il menu, elaborato dall’Ats di competenza, è articolato in 4 settimane, e viene proposto in una versione estiva ed una invernale (che viene consegnato annualmente ai genitori).
I bambini che ne hanno necessità possono fruire di diete, in caso di intolleranze o allergie, motivi etici o religiosi.

Il giardino

Lo spazio esterno al Nido, arredato con giochi in legno a norma per quanto riguarda la sicurezza (giochi comprati grazie al contributo economico dell’Associazione amici ed ex allievi della Scuola dell’Infanzia), è un ambiente educativo, e non un semplice posto in grado di permettere lo sfogo dei bambini. E’ un luogo privilegiato per le esperienze dei bambini, che, adeguatamente equipaggiati, possono utilizzarlo anche in inverno (valutando le temperature stagionali).
In giardino i bambini sperimentano il gioco libero e il gioco strutturato, esercitano la motricità mettendosi alla prova con ostacoli sempre più complicati da superare, creano relazioni e possono esplorare attivando i sensi per scoprire i cambiamenti stagionali.
In una angolo appartato, dove i bambini possono sentirsi accolti, c’è la Mud Kitchen, la cucina di fango. Qui, utilizzando contenitori, utensili, pentole e diversi materiali naturali (acqua, sabbia, terra, erba, ghiaia, ecc.) sono liberi di creare meravigliosi miscugli.

La sala polivalente

E’ un ambiente predisposto per l’attività psicomotoria che viene svolta suddividendo i bambini per fasce d’età. La psicomotricità promuove i processi evolutivi dell’infanzia, valorizzando il bambino nell’integrazione delle sue componenti emotive, intellettive, corporee, nella specificità del suo mettersi in gioco attraverso l’azione e l’interazione:

  • Nell’uso dello spazio e degli oggetti
  • Nell’interazione con gli altri
  • Nella capacità rapportarsi agli altri attraverso il movimento, la parola, il gioco

La Sala Polivalente è attrezzata con diversi tipi di materiale didattico:

  • Cerchi
  • Materassi
  • Materiali di recupero
  • Funi e corde
  • Specchio a parete
  • Palle di varie dimensioni e materiale
  • Stoffe
  • Bastoni e mattoncini

I servizi igienici

Particolare attenzione viene dedicata al momento dell’igiene personale e del cambio dei bambini, occasioni che promuovono e sostengono il processo di formazione del Sé, del rapporto con gli altri e con il mondo: il bambino entra in relazione con l’educatrice, ma ha anche l’occasione di osservare gli altri bimbi e di relazionare con essi. La cura del corpo ha un enorme potenziale relazionale, esplorativo e ludico: è infatti un’occasione di osservazione, scambio verbale, di conoscenza del proprio corpo attraverso lo sguardo e il contatto fisico.